Giorgio Malan

Giorgio Malan
Profili Social
Presentazione

Uno sport, cinque discipline e un futuro tutto da scrivere. Giorgio Malan è uno dei prospetti giovanili più interessanti del Pentathlon.

Nato e cresciuto a Torino, fin da piccolo Giorgio ha sviluppato una particolare curiosità nel cercare praticare il maggior numero di sport possibili. La sua sfida è sempre stata quella di ricercare sensazioni differenti per ogni disciplina: è nata così la sua scelta di avvicinarsi al Pentathlon. “È una disciplina molto particolare” – ha spiegato Giorgio – “ti porta a svolgere gare molto differenti tra di loro. Credo che il talento più importante per chi si avvicina a questo sport sia quello di amare e trattare le cinque discipline allo stesso modo”.

Tra i ragazzi dell’età di Giorgio, il Pentathlon non è sicuramente lo sport più gettonato “infatti ho provato ad avvicinare i miei amici, ma non ci sono riuscito. Inizialmente trovano interessante la multidisciplinarità, ma riconoscono che sia difficile metterli tutti insieme da un punto di vista fisico, quindi ci rinunciano e fanno il tifo per me”. Inoltre, c’è anche un’altra difficoltà “perché nel calcio ti basta una palla per giocare, per gli sport del Pentathlon è necessaria anche l’attrezzatura e questo complica ulteriormente il coinvolgimento”.

Carriera

Nella carriera di un pentatleta è fondamentale impostare il programma di allenamento, perché si deve impiegare molto tempo per coinvolgere tutte le discipline e allo stesso tempo non stressare troppo il fisico. Per Giorgio è importante l’approccio e non è un caso che abbia scelto un allenatore per ogni sport, con un “supervisore” che ne coordina le varie attività. “Svolgo due tipologie differenti di allenamenti” – ha dichiarato Malan – “una più fisica (per il nuoto e la corsa) e una più tecnica (per la scherma, equitazione e il laser run)”. Non bisogna però parlargli di sacrifici, “perché per me tutto quello che riguarda lo sport è passione e quando ho la possibilità di praticarlo sono la persona più felice del mondo”.

La cosa più difficile del Pentathlon è la preparazione alla competizione, infatti “nella mia testa l’avvicinamento a ciascuna gara cambia, perché ognuna di esse ha particolarità differenti. Quello che però rimane uguale nella mia testa è l’obbiettivo finale, che è quello di dare il massimo sempre e cercare di arrivare il più in alto possibile”.

Nel suo percorso da Juniores Malan si è reso protagonista di ottimi risultati, infatti tra le sue prestazioni spiccano due ottimi piazzamenti internazionali: nel 2017 ha conquistato la medaglia d’argento ai Campionati Europei Youth A e l’anno seguente ha vinto gli Europei Under 19 Drzonkow, in Polonia. Giorgio nel 2019 ha compiuto il salto dalla categoria juniores a quella senior. L’impatto del giovane ragazzo torinese con il mondo dei più grandi è stato da sogno, infatti in occasione della sua prima gara ufficiale agli International Budapest Indoor, si è classificato al secondo posto, a pochi punti di distanza dal vincitore.

Il suo processo di crescita è stato leggermente rallentato da un infortunio, che ha influenzato il suo percorso ai Mondiali Juniores in Polonia, dove ha comunque centrato un quinto posto nella staffetta mista.

Giorgio è un ragazzo con i piedi ben piantati per terra, ma che ha un sogno ben preciso nel cassetto: partecipare ad un’Olimpiade. Per Tokyo è stato convocato (momentaneamente) come riserva, ma il futuro è ancora tutto da scrivere.

Appassionato di sport (nel tempo libero gli piace andare in bicicletta o sugli sci) ma non solo, Giorgio negli anni ha sviluppato una particolare passione per la musica, ma come per lo sport non si è limitato all’apprendimento di uno strumento soltanto: da autodidatta ha imparato a suonare sia la chitarra che il pianoforte. “Come tutte le cose però è fondamentale porsi degli obbiettivi. Io la vivo come una sfida personale, essendo autodidatta cerco ogni volta di migliorarmi. Ogni step che faccio è un successo personale”.

Malan è anche iscritto all’Università di Economia di Torino, “non voglio fermarmi solo allo sport, una volta terminata la mia carriera vorrei concedermi la possibilità di realizzarmi anche in altri ambiti. È per questo che ho scelto di frequentare l’università”.

Palmares

Campionati del Mondo Youth A Praga: medaglia d’oro staffetta mista (con Elena Micheli)

Europei Under 19 Drzonkow, Polonia 2018: Medaglia d’oro

Campionato Italiano Assoluto Triathlon 2018: 1° Classificato

International Budapest 2019: 2019: 2° Classificato